Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
15/ Area post jugoslava 2015

Edin Hajdarpasić, Whose Bosnia? Nationalism and Political Imagination in the Balkans, 1840-1914

Fabio Giomi
Riferimento/i:

Edin Hajdarpasić, Whose Bosnia? Nationalism and Political Imagination in the Balkans, 1840-1914, London, Cornell University Press, 2015, 271 pp.

Testo integrale

Edin HAJDARPASIĆ, Whose Bosnia? Nationalism and Political Imagination in the Balkans, 1840-1914, London, Cornell University Press, 2015, 271 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Edin HAJDARPASIĆ, Whose Bosnia? Nationalism and Political Imagination in the Balkans, 1840-1914, London, Cornell University Press, 2015, 271 pp.

1Ci vuole una certa audacia, nel 2015, a pubblicare un libro sulla Bosnia e la questione nazionale. Gli ultimi venti anni, infatti, sono stati caratterizzati da una vera e propria proliferazione di questo tipo di studi, tanto a livello internazionale che (post-) jugoslavo. Nel tentativo di comprendere e spiegare la dissoluzione della Jugoslavia, un numero importante di storici, politologi e sociologi ha cercato di approfondire il processo di nazionalizzazione della società bosniaca e di ricostruire il ruolo della Bosnia nei progetti nazionali delle élite locali, in particolare croate e serbe. Nonostante questo Edin Hajdarpasić, storico di origine bosniaca della Loyola University (Chicago), riesce nell’impresa di scrivere un testo innovativo. Non solo perché egli mostra di essere immune da quel “nazionalismo metodologico” che troppo spesso ha caratterizzato questo tipo di ricerche. Ciò che rende questo libro convincente è piuttosto il modo in cui la questione nazionale è abbordata: invece di analizzare le narrazioni nazionali singolarmente, l’autore organizza la propria riflessione attorno a cinque topoi: il popolo, la sofferenza, l’attivismo, la gioventù, l’impero. Così facendo Hajdarpasić mette in luce la circolazione di idee, i prestiti, le tensioni all’interno e fra dei differenti discorsi nazionali che, fra il 1840 e il 1914, hanno strutturato il dibattito su “di chi è la Bosnia”. L’autore introduce poi un nuovo concetto, quello di (br)other, una specifica figura delle differenti narrazioni nazionali che abbraccia ciò che è comune, e quindi “fratello”, ma allo stesso tempo il suo opposto, il radicalmente “altro”. Questo concetto aiuta a comprendere le continue oscillazioni delle élite nazionaliste locali fra politiche di assimilazione e di marginalizzazione dell’altro.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Fabio Giomi, « Edin Hajdarpasić, Whose Bosnia? Nationalism and Political Imagination in the Balkans, 1840-1914 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 17 novembre 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4401

Inizio pagina

Autore

Fabio Giomi

Fabio Giomi (CNRS) è ricercatore presso il Centre d’Études Turques, Ottomanes, Balkaniques et Centrasiatiques (CNRS, EHESS, Collège de France) a Parigi. Si occupa di storia sociale, culturale e politica dello spazio jugoslavo dalla fine del XIX alla metà del XX secolo.
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Giomi >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org