Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
15/ Area post jugoslava 2015

Amila Buturović, Carved in Stone, Etched in Memory. Death, Tombstones and Commemoration in Bosnian Islam since c.1500

Monica Priante
Riferimento/i:

Amila Buturović, Carved in Stone, Etched in Memory. Death, Tombstones and Commemoration in Bosnian Islam since c.1500, Farham, Ashgate Publishing, 2015, 256 pp.

Testo integrale

Amila BUTUROVIĆ, Carved in Stone, Etched in Memory. Death, Tombstones and Commemoration in Bosnian Islam since c.1500, Farham, Ashgate Publishing, 2015, 256 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Amila BUTUROVIĆ, Carved in Stone, Etched in Memory. Death, Tombstones and Commemoration in Bosnian Islam since c.1500, Farham, Ashgate Publishing, 2015, 256 pp.

1La monografia di Amila Buturović approfondisce le tradizioni commemorative e i monumenti funebri Islamici in Bosnia dal 1500. Il processo di transizione tra il pre-Ottomano, sotto l’autorità Cristiana, al sistema culturale nell’impero Ottomano-islamico portò ad una confluenza di differenti stili funerari che riflettevano la situazione creatasi tra un numero sempre crescente di conversioni e una nuova sensibilità escatologica. In questo periodo di trasformazioni, avvenute dopo l’incorporazione della Bosnia nell’Impero Ottomano, anche la morte iniziò ad essere “islamizzata” e commemorata con l’aiuto di un nuovo dizionario epigrafico ed iconografico. In particolare, utilizzando le iscrizioni epigrafiche, l’autrice analizza le modalità con cui la collettività abbandonò progressivamente le pratiche precedenti e il modo in cui si continuarono a ricordare i propri avi in un processo di adattamento e convergenza di differenti sistemi escatologici. Dalla ricerca emerge che l’islamizzazione delle pratiche commemorative seguì con un ritmo molto più lento il processo di ottomanizzazione in atto in altri segmenti della società. L’autrice, infatti, sostiene che soltanto tra il XVIII e il XIX secolo le pratiche commemorative arrivarono a riflettere una netta separazione tra i modelli Cristiani e quelli Islamici, consolidando (e confermando) il sentimento di differenziazione tra i diversi gruppi identitari. Oltre a questo, definendo le lapidi “guardiani della memoria”, l’autrice insiste anche sul ruolo di mediazione delle lapidi nel rapporto tra morti, vivi e la memoria che li collega. Infine, lo studio si concentra sulla visibilità e l’impatto che le pratiche funerarie avevano (e hanno) su di una comunità, per aiutarci a riflettere sul legame di continuità tra passato, presente e futuro.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Monica Priante, « Amila Buturović, Carved in Stone, Etched in Memory. Death, Tombstones and Commemoration in Bosnian Islam since c.1500 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 27 aprile 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4416

Inizio pagina

Autore

Monica Priante

Monica Priante, dottore di ricerca in storia moderna e contemporanea presso i Hrvatski studiji (Università di Zagabria), tema della ricerca i rapporti tra la Chiesa ortodossa e cattolica nel XIX secolo e l’operato del vescovo croato Josip Juraj Strossmayer in Serbia. Successivamente, le sue ricerche si sono concentrate sulla storia culturale italiana ed europea nell’Ottocento, specialmente sulla ricezione della simbologia del Risorgimento italiano in Croazia centrale e Serbia. Negli ultimi anni, i suoi interessi di studio si sono spostati alla tanatologia culturale, con particolare attenzione al legame tra la storia della morte e la costruzione delle identità nazionali in Croazia tra il XIX secolo e il XX secolo. Attualmente collabora come docente a contratto con l’Università Cattolica di Zagabria.
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Priante >

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org