Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
17/ Cono Sur 2015

Gabriela Águila, Santiago Garaño, Pablo Scatizza (coordinadores), Represión estatal y violencia paraestatal en la historia reciente argentina: Nuevos abordajes a 40 años del golpe de Estado

Ana Belén Zapata
Traduzione di Matteo Tomasoni
Riferimento/i:

Gabriela Águila, Santiago Garaño, Pablo Scatizza (coordinadores), Represión estatal y violencia paraestatal en la historia reciente argentina: Nuevos abordajes a 40 años del golpe de Estado, La Plata, FaHCE Universidad Nacional de La Plata, 2016, 483 pp.

Testo integrale

Gabriela ÁGUILA, Santiago GARAÑO, Pablo SCATIZZA (coordinadores), Represión estatal y violencia paraestatal en la historia reciente argentina: Nuevos abordajes a 40 años del golpe de Estado, La Plata, FaHCE Universidad Nacional de La Plata, 2016, 483 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Gabriela ÁGUILA, Santiago GARAÑO, Pablo SCATIZZA (coordinadores), Represión estatal y violencia paraestatal en la historia reciente argentina: Nuevos abordajes a 40 años del golpe de Estado, La Plata, FaHCE Universidad Nacional de La Plata, 2016, 483

1L’origine di questo libro risale alla creazione del gruppo chiamato Red de Estudios sobre Represión y Violencia Política (RER), sorto in Argentina nell’anno 2014. Esso sviluppò le sue prime indagini sulla storia recente di questo paese, prestando la sua attenzione in particolar modo al tema della repressione. Basandosi proprio su questo filone di studi, il libro vuole essere un punto di partenza per riunire nuove ipotesi e analisi, ma anche riflessioni fondate sulla ricerca scientifica disponibile. L’opera è divisa in tre parti che sostanzialmente ripartiscono gli elementi tematici dalla riflessione accademica attraverso un ordine preciso: La repressione prima del golpe del 1976, le sue origini e le condizioni che lo permisero; Pratiche, dispositivi ed effetti sociali nel contesto della repressione; Forme e sviluppo della repressione durante la dittatura. Seguendo questo preciso ordine, il libro permette quindi di approfondire con nuovi dati le forme, le pratiche, i dispositivi e gli effetti provocati dalla repressione prima e durante lo sviluppo della dittatura argentina compresa tra il 1976 ed il 1983; consente inoltre di riflettere sulla problematica e il dibattito sorto intorno alle periodizzazioni, alle categorie di studio, ma anche alle rappresentazioni sistematiche di questa difficile tematica.

2I diversi capitoli che compongono l’opera in questione sono stati arricchiti con minuziose ricostruzioni storiche degli stili di vita, delle istituzioni, delle legislazioni e dei dispositivi creati per la repressione. Troviamo inoltre riflessioni sui procedimenti usati per il sequestro e il rapimento dei bambini (delle famiglie perseguitate), sulla creazione dei servizi di intelligence all’interno di quella che è divenuta nota come “comunità informativa”, sul coordinamento repressivo transnazionale, ecc. La logica a partire dalla quale si struttura il libro è quella di ripensare alla repressione attraverso le particolarità locali e regionali, ma anche attraverso la decentralizzazione operativa creata attraverso zone e aree di controllo militare. Si osserva come la diversità regionale provocò in Argentina un rapido e significativo sviluppo della repressione, in grado di giustificare l’esistenza di un “terrore di Stato” portato a termine dagli enti appositamente creati da quest’ultimo. Su questo aspetto è opportuno ricordare che nel testo si vuole proporre uno studio comparato tra le diverse regioni del paese, così da poter dimostrare l’esistenza di differenti pratiche e metodi di repressione. Lo spettro dell’analisi della repressione diviene invece transnazionale quando si prende in esame l’effetto provocato dall’esilio forzato o le particolarità dell’Operazione Cóndor, in cui venne perpetrato il coordinamento repressivo tra le dittature del Cono Sur più inumano di quest’epoca.

3Fra i vari punti di riflessione sviluppati dagli autori, bisogna evidenziare la volontà di riflettere su possibili periodizzazioni della violenza di Stato nel lungo periodo. Vengono proposte nuove ipotesi riguardo al colpo di stato in Argentina del 1955, un momento a partire dal quale iniziarono a consolidarsi le politiche di repressione statale, che ebbero successivamente rilievo nella creazione di un processo di violenza specifico, discontinuo ma comunque unico nel suo genere e nel quale sia civili, sia militari collaborarono nello sviluppo di una logica repressiva poi mantenutasi durante il corso dei decenni. In questo contesto si studia inoltre lo stato di emergenza, il suo funzionamento e gli enti che lo regolarono. Non meno importante è l’analisi della dottrina militare, così come di tutto il corpus dei regolamenti militari nei quali furono sviluppare le specifiche considerazioni sul “nemico interno”, ma anche tutte quelle misure di controllo conosciute come regolamenti “anti-sovversivi” imposti dall’Esercito argentino tra il 1955 ed il 1976.

4Nell’ultima parte si dà spazio anche ad altri aspetti che sono stati poco o scarsamente studiati sino ad ora e che hanno a che fare con la violenza parastatale o con la relazione tra lo Stato e l’esilio, i decreti legge e le altre forme legislative per regolarlo. Questo implica la necessità di studiare la condizione dei detenuti politici e la repressione vissuta negli spazi carcerari attraverso il genere o la sessualità intesi come elementi di controllo ed ulteriore persecuzione all’interno di questi luoghi. Tale studio mette inoltre in luce nuovi aspetti legati al ruolo dei consigli di guerra militari e l’applicazione della repressione politica. Il libro non può quindi non prendere in esame l’analisi dei luoghi dove si sviluppò la repressione, così come la complicità e il grado di responsabilità che ebbero determinati attori civili e i loro rapporti con i militari. Viene sviluppata una riflessione anche sul ruolo esercitato dalla classe lavoratrice e sull’organizzazione di una vera e propria ‘resistenza’ sorta sin dal periodo pre-dittatoriale, la quale fu causa di ulteriore repressione contro tutti coloro che avevano preso parte a tali manifestazioni o gruppi sindacali. Oltre alle responsabilità civili viene affrontato lo studio sul ruolo svolto da alcuni settori imprenditoriali nell’appoggiare la repressione, partecipando ad essa con mezzi e pratiche basate sulla violenza. Non può mancare, infine, un’ulteriore riflessione sulle responsabilità di altri settori della società, fra i quali spiccano gli appartenenti al settore giudiziario. L’indagine si sviluppa intorno alle continuità e alle rotture interne ai gruppi che presero parte all’amministrazione della giustizia nei diversi regimi dittatoriali dell’Argentina, nell’intento di rompere con la pretesa immagine di asetticità del potere giudiziario, inserendo i suoi operatori – in quanto attori sociali – all’interno di quelle strutture, percorsi, alleanze, gruppi di riferimento e di orientamento ideologico che li caratterizzavano come tali.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Ana Belén Zapata, « Gabriela Águila, Santiago Garaño, Pablo Scatizza (coordinadores), Represión estatal y violencia paraestatal en la historia reciente argentina: Nuevos abordajes a 40 años del golpe de Estado », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 21 luglio 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4454

Inizio pagina

Autore

Ana Belén Zapata

Ana Belén Zapata es doctora en Historia por la Universidad Nacional de La Plata (UNLP) y docente regular de la Facultad de Filosofía y Letras en la Universidad de Buenos Aires (UBA) de la materia “Teoría e Historia de la Historiografía”. Es becaria posdoctoral del Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET). Ha publicado distintos artículos sobre la temática de la conflictividad obrera en los años ’60 y ’70 en Argentina y sobre la represión en la última dictadura militar de 1976 en Argentina.
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Zapata >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org