Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
20/ Germania 2015

Wolfgang Schmale (herausgegeben von), Digital Humanities. Praktiken der Digitalisierung, der Dissemination und der Selbstreflexivität

Digital Humanities. Pratiche di digitalizzazione, disseminazione e autoriflessione
Silvia Madotto
Riferimento/i:

Wolfgang Schmale (herausgegeben von), Digital Humanities. Praktiken der Digitalisierung, der Dissemination und der Selbstreflexivität, Stuttgart, Steiner, 2015, 183 pp.

Testo integrale

Wolfgang SCHMALE (herausgegeben von), Digital Humanities. Praktiken der Digitalisierung, der Dissemination und der Selbstreflexivität, Stuttgart, Steiner, 2015, 183 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Wolfgang SCHMALE (herausgegeben von), Digital Humanities. Praktiken der Digitalisierung, der Dissemination und der Selbstreflexivität, Stuttgart, Steiner, 2015, 183 pp.

1Wolfgang Schmale, professore di Storia contemporanea presso l’Università di Vienna, raccoglie, in questo volume collettaneo, contributi che affrontano complesse e dibattute tematiche nell’ampio ambito delle Digital Humanities. Ciò che connette e accomuna i distinti saggi è soprattutto una riflessione sul potenziale di novità che le DH possono portare concretamente nella ricerca, dunque i tangibili cambiamenti nella teoria e nella prassi delle scienze umane. Nella prima sezione del libro sono discusse, tra vantaggi e problematiche, le metodologie e le tecniche digitali di raccolta e utilizzo di dati e fonti digitali/digitalizzate, tra cui le fonti audio. Nella sezione centrale i contributi si concentrano sull’analisi della divulgazione dei dati scientifici attraverso il digitale e sulla discussione dei cambiamenti che questi nuovi formati digitali portano nella comunicazione scientifica. Al centro della discussione sono posti l’utilizzo dei big data nella ricerca, ma anche Wikipedia, i weblogs, le Smartphone-apps fino alla realtà virtuale dei giochi per computer. Riflessioni sull’utilizzo delle edizioni digitali, sul linguaggio e l’interpretazione del mondo digitale, la coding history e linguaggi di programmazione, chiudono il volume. Nei diversi contributi trovano spazio temi complessi e controversi che animano da anni il dibattito sulle DH: obiettivo del volume è stimolare tali dibattiti e riflessioni sul digitale nella ricerca scientifica umanistica. Come rimarca il curatore, il lavoro nelle DH ha davanti a sé ancora un lungo percorso.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Silvia Madotto, « Wolfgang Schmale (herausgegeben von), Digital Humanities. Praktiken der Digitalisierung, der Dissemination und der Selbstreflexivität », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 27 maggio 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4530

Inizio pagina

Autore

Silvia Madotto

Silvia Madotto è dottoranda alla Freie Universität di Berlino. Ha studiato storia antica e contemporanea presso le Università di Udine, Padova e Berlino. La sua tesi indaga forme e organizzazioni di antifascismo e Resistenza presso le Università in Europa durante la Seconda guerra mondiale. I suoi interessi includono: storia transnazionale, fascismo e antifascismo in Europa, storia delle Università, storia italiana del Ventesimo secolo. Ha pubblicato un numero monografico della rivista «Storia contemporanea in Friuli», dal titolo Le capitali della Resistenza universitaria. Padova, Oslo e Praga ed è in corso di pubblicazione un articolo su Silvio Trentin e l’antifascismo in Europa (atti del convegno “Fascism without Borders. Transnational Connections and Cooperation between Movements and Regimes in Europe from 1918 to 1945”).
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Madotto >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org