Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
22/ Irlanda 2015

Diarmaid Ferriter, A Nation and not a Rabble, The Irish Revolution, 1913-1923

Cecilia Biaggi
Riferimento/i:

Diarmaid Ferriter, A Nation and not a Rabble, The Irish Revolution, 1913-1923, Profile Books, London, 2015, 528 pp.

Testo integrale

Diarmaid FERRITER, A Nation and not a Rabble, The Irish Revolution, 1913-1923, Profile Books, London, 2015, 528 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Diarmaid FERRITER, A Nation and not a Rabble, The Irish Revolution, 1913-1923, Profile Books, London, 2015, 528 pp.

1A Nation and not a Rabble (“una nazione e non una marmaglia”) ha riscosso molto successo in un’Irlanda entrata tre anni fa nella “Decade of Commemorations” (Decade delle Commemorazioni). Il libro tratta appunto della Rivoluzione irlandese, iniziata nel 1913 con “la serrata di Dublino”, e terminata con la fine della guerra civile nel 1923.

2Ferriter si propone di contribuire ad una storia della Rivoluzione “dal basso” che indaghi le diverse istanze di cui si fecero portatori coloro che vi parteciparono, mettendo in discussione l’opinione diffusa secondo cui la nazione irlandese si sollevò contro l’oppressione inglese senza distinzioni di classe, sesso, età. Il libro presenta un’approfondita e bilanciata analisi sociale dell’Irlanda di inizio Novecento, un periodo di pace e stabilità in cui Ferriter individua tuttavia le origini del malcontento che portò alla Rivoluzione.

3Nonostante la trattazione sembri inizialmente vertere attorno agli antitetici concetti di nation e rabble, nel corso della narrazione essi vengono ripetutamente abbandonati e, infine, rimangono vaghi e sfuggenti. Si può concludere che la rabble sia costituita da tutti coloro che per diverse ragioni non facevano parte della nazione irlandese. Tuttavia, nonostante il termine venga spesso usato per indicare il proletariato, l’analisi di Ferriter non è sufficiente a definire la rabble soltanto in termini di classe. Ciò che emerge chiaramente sono invece timore e disprezzo per la rabble da parte della classe politica, a cui il titolo si riferisce. Nel gennaio 1922, all’indomani della nascita dello Stato Libero d’Irlanda, George Gavan Duffy, Ministro degli Esteri, espresse la preoccupazione che il crescente antagonismo tra sostenitori ed oppositori dell’accordo con la Gran Bretagna presentasse il paese agli stranieri non come una nazione ma, appunto, come una marmaglia.

4Il successo di questo libro è dovuto anche alla notorietà di Ferriter: Professore di Storia irlandese moderna e contemporanea all’University College Dublin, è spesso ospite alla radio e alla televisione nazionale. Inoltre, è parte di un gruppo di undici esperti che collaborano con il governo irlandese nell’organizzazione delle celebrazioni in memoria della Pasqua di Sangue del 1916.

5Non stupisce dunque che una parte consistente di A Nation and not a Rabble sia dedicata alla storiografia della Rivoluzione e alla sua commemorazione. Tuttavia, la discussione della letteratura e delle fonti, contenente dettagliate informazioni sulla loro accessibilità dagli anni Cinquanta ad oggi, risulterà probabilmente eccessiva e in parte ostica ad un pubblico di non addetti ai lavori. Al contrario, l’acceso dibattito sull’eredità e commemorazione della Rivoluzione, che occupa quasi 200 pagine, è di stimolante attualità.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Cecilia Biaggi, « Diarmaid Ferriter, A Nation and not a Rabble, The Irish Revolution, 1913-1923 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 28 maggio 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4556

Inizio pagina

Autore

Cecilia Biaggi

Cecilia Biaggi sta concludendo un dottorato di ricerca in Storia presso l’Università di Oxford. La sua tesi si occupa di forme di partecipazione politica non tradizionali in Irlanda del Nord tra il 1920 ed il 1932. In precedenza, ha passato un anno al Trinity College di Dublino come studente Erasmus, dove ha svolto ricerca per la tesi di laurea magistrale sui Troubles, conseguita presso l’Università di Siena nel 2011. Ha conseguito la laurea triennale nel 2008 all’Università di Bologna.
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Biaggi >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org