Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
23/ Romania 2015

Cristian Vasile, Viaţa intelectuală şi artistică în primul deceniu al regimului Ceauşescu 1965-1974

Vita intellettuale e artistica nel primo decennio del regime di Ceausescu 1965-1974
Francesco Zavatti
Riferimento/i:

Cristian Vasile, Viaţa intelectuală şi artistică în primul deceniu al regimului Ceauşescu 1965-1974, Bucarest, Humanitas, 2015, 282 pp.

Testo integrale

Cristian VASILE, Viaţa intelectuală şi artistică în primul deceniu al regimului Ceauşescu 1965-1974, Bucarest, Humanitas, 2015, 282 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Cristian VASILE, Viaţa intelectuală şi artistică în primul deceniu al regimului Ceauşescu 1965-1974, Bucarest, Humanitas, 2015, 282 pp.
  • 1 VASILE, Cristian, Literatura şi artele în România comunistă, 1948-1953, Bucarest, Humanitas, 2010.
  • 2 VASILE, Cristian, Politice culturale comuniste în timpul regimului Gheorghiu-Dej, Bucarest, Humanit (...)

1Cristian Vasile, ricercatore scientifico all’Istituto di Storia “Nicolae Iorga” di Bucarest, è uno dei massimi esperti di comunismo romeno. Ingaggiato dalla Commissione Presidenziale per l’Analisi della Dittatura Comunista nel 2006 come esperto del rapporto tra Stato e Chiesa ortodossa nel periodo comunista, dal 2010 ha pubblicato una serie di opere dedicate allo studio dei meccanismi di controllo, burocratici ed economici, che il regime comunista ha imposto sul mondo della cultura sin dalla sua nascita nel 1948, tra repressione, censura e cooptazione degli intellettuali. Nel 2010 ha pubblicato Literatura şi artele în România comunistă, 1948-19531 [Letteratura e arte nella Romania comunista], nel 2011 Politice culturale comuniste în timpul regimului Gheorghiu-Dej2 [Le politiche culturali comuniste nel tempo del regime di Gheorghiu-Dej]. Il presente volume è l’ultimo della trilogia ed è incentrato sui primi nove anni del regime guidato da Nicolae Ceauşescu, cioè da un punto di continuità (1965) ad un punto di rottura (1974). Nel 1965, Ceauşescu ereditò un sistema di politiche culturali che Gheorghiu-Dej e la sua cerchia avevano ricevuto dal regime sovietico, messo a punto ed adattato alle esigenze locali e alla politica internazionale del partito. Sin dalla metà degli anni Sessanta, questo sistema venne potenziato coinvolgendo attivamente la popolazione: l’esempio più conosciuto, il festival popolare Cântarea României, organizzato dal regime, è da Vasile contestualizzato in seno al rapporto tra regime ed arti – ed a ragione: il culto di Ceauşescu crebbe a dismisura negli anni Settanta, grazie a migliaia di canzoni scritte in onore del Conducător da dilettanti che partecipavano a un concorso di musica che, apparentemente, poco o nulla aveva a che fare con la politica.

2A differenza dei due precedenti volumi della trilogia, Vasile compie un’incursione nel campo della public history tentata dal regime con massimo sforzo economico ed organizzativo. La storia del Museo di Storia della Romania Socialista ben esemplifica i continui cambi di rotta del regime: mentre negli anni Sessanta Ceauşescu potenziò la strategia di cooptazione degli storici professionisti inaugurata da Gheorghiu-Dej, verso la fine degli anni Sessanta il segretario generale del partito aveva deciso di non ascoltare i pareri degli esperti per questioni propriamente tecniche, arrivando anche a ignorare gli allarmanti pareri concernenti la stabilità dell’edificio del Museo.

3In conclusione, il libro di Vasile è un ottimo volume per la contestualizzazione e la problematizzazione della vita artistica ed intellettuale di un regime ancora troppo vicino nel tempo per poter essere compreso, forse, pienamente. Ma l’apertura degli archivi del partito, di cui Vasile è frequentatore assiduo, ha permesso all’autore di addentrarsi in un passato prossimo ancora in gran parte inaccessibile.

Inizio pagina

Note

1 VASILE, Cristian, Literatura şi artele în România comunistă, 1948-1953, Bucarest, Humanitas, 2010.

2 VASILE, Cristian, Politice culturale comuniste în timpul regimului Gheorghiu-Dej, Bucarest, Humanitas, 2011.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Francesco Zavatti, « Cristian Vasile, Viaţa intelectuală şi artistică în primul deceniu al regimului Ceauşescu 1965-1974 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 25 aprile 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4569

Inizio pagina

Autore

Francesco Zavatti

Francesco Zavatti (1982) ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso il Centre for Baltic and East European Studies della Södertörn University, Svezia. Si è laureato in storia (magna cum laude) presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia con una tesi dal titolo Storiografia e Nazionalismo nella Romania di Ceauşescu. Nel periodo 2008-2011, ha collaborato a progetti educativi ed editoriali con l’Istituto della Resistenza e della Storia Contemporanea di Modena. È stato insignito nel 2010 di una borsa di studio da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena per condurre un progetto di carattere storico sull’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra, culminati con la pubblicazione di una monografia Mutilati ed invalidi di guerra: una storia politica. Il caso modenese (Milano, Unicopli, 2011) e una mostra itinerante. Nel 2012, ha ricevuto una borsa di studio dalla Helge Axelsson Johnsons Stiftelsen (Svezia) per condurre ricerche archivistiche nell’Europa dell’Est, nell’ambito del suo dottorato. Ha pubblicato la sua seconda monografia, Comunisti per caso (Reggio Emilia, Mimesis, 2014).
URL: < http://www.studistorici.com/2014/01/06/francesco-zavatti/ >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org