Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
23/ Romania 2015

Constanța Vintilă-Ghiţulescu, Patimă și desfătare. Despre lucrurile mărunte ale vieții cotidiene în societatea românească 1750-1860

La passione e la gioia. Sulle piccole cose della vita quotidiana nella società rumena 1750-1860
Francesco Zavatti
Riferimento/i:

Constanța Vintilă-Ghiţulescu, Patimă și desfătare. Despre lucrurile mărunte ale vieții cotidiene în societatea românească 1750-1860, Bucarest, Humanitas, 2015, 488 pp.

Testo integrale

Constanța VINTILĂ-GHIŢULESCU, Patimă și desfătare. Despre lucrurile mărunte ale vieții cotidiene în societatea românească 1750-1860, Bucarest, Humanitas, 2015, 488 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Constanța VINTILĂ-GHIŢULESCU, Patimă și desfătare. Despre lucrurile mărunte ale vieții cotidiene în societatea românească 1750-1860, Bucarest, Humanitas, 2015, 488 pp.
  • 1 RADU, Jude, Ada Solomon, Romania-Bulgaria-Repubblica Ceca-Francia, 2015, 108’.

1L’autrice propone in quest’opera originale ed innovativa uno studio dell’universo quotidiano della Valacchia e Moldavia a cavallo tra il Diciottesimo ed il Diciannovesimo secolo. Il libro si basa su una vasta gamma di fonti archivistiche ed è diviso in sette capitoli, dedicati a svariati temi che forniscono uno spaccato della società romena del tempo: dalle norme di comportamento nella società del tempo, alle pratiche di igiene personale e ai canoni estetici in uso, dalle usanze culinarie alla percezione della vita quotidiana. È, in pratica, una storia delle differenze che intercorrevano tra i ricchi ed i poveri: differenze sociali, economiche, politiche, percettive. Nella vita pubblica come in quella privata, il nobile era diverso dal contadino e dal soldato; le abitudini alimentari ed il senso estetico di queste categorie sociali erano universi paralleli tra loro molto distanti. Verrebbe da chiedersi, quanto di tutto questo sia cambiato nel Diciannovesimo e Ventesimo secolo con l’introduzione nella scena pubblica del progetto nazionale – non molto, sembra. Un’opera che meriterebbe senz’altro di essere tradotta in italiano (ed in inglese). Per chi non conosce il romeno, la visione del film Aferim!1 di cui l’autrice è stata consulente storica, e che tratta dello stesso periodo storico, è senz’altro raccomandata.

Inizio pagina

Note

1 RADU, Jude, Ada Solomon, Romania-Bulgaria-Repubblica Ceca-Francia, 2015, 108’.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Francesco Zavatti, « Constanța Vintilă-Ghiţulescu, Patimă și desfătare. Despre lucrurile mărunte ale vieții cotidiene în societatea românească 1750-1860 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 21 luglio 2017. URL : http://diacronie.revues.org/4583

Inizio pagina

Autore

Francesco Zavatti

Francesco Zavatti (1982) ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso il Centre for Baltic and East European Studies della Södertörn University, Svezia. Si è laureato in storia (magna cum laude) presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia con una tesi dal titolo Storiografia e Nazionalismo nella Romania di Ceauşescu. Nel periodo 2008-2011, ha collaborato a progetti educativi ed editoriali con l’Istituto della Resistenza e della Storia Contemporanea di Modena. È stato insignito nel 2010 di una borsa di studio da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena per condurre un progetto di carattere storico sull’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra, culminati con la pubblicazione di una monografia Mutilati ed invalidi di guerra: una storia politica. Il caso modenese (Milano, Unicopli, 2011) e una mostra itinerante. Nel 2012, ha ricevuto una borsa di studio dalla Helge Axelsson Johnsons Stiftelsen (Svezia) per condurre ricerche archivistiche nell’Europa dell’Est, nell’ambito del suo dottorato. Ha pubblicato la sua seconda monografia, Comunisti per caso (Reggio Emilia, Mimesis, 2014).
URL: < http://www.studistorici.com/2014/01/06/francesco-zavatti/ >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • Revues.org